martedì 5 novembre 2013

Gnocchi di patate

gnocchi_di_patatee

Gli gnocchi di patate sono un ottimo primo piatto italiano a base di patate “per gnocchi”, farina, tuorlo, burro. La loro “invenzione” è contesa da varie regioni italiane (tra cui Emilia, Lazio, Piemonte) che li propongono conditi con sughi diversi, come il sugo di stufato o di funghi, o con burro e salvia. Propongo la ricetta di mia mamma che prevede un condimento a base di carne trita e pomodoro completato con una spolverata di parmigiano reggiano.


Difficoltà
Media
Preparazione
1 ora e mezza
Cottura
30 minuti+ 45/60 minuti per sugo
Ingredienti
per 4 persone
1 kg di patate farinose
400 g di farina 00
1 tuorlo
1 noce di burro
Per il sugo
500 g ca. di pomodori maturi
1 cipolla media
1 spicchio di aglio
basilico, sale, pepe
1 bicchiere di vino bianco
olio extra vergine di oliva


Per preparare il sugo: scaldate in un tegame (meglio se di terracotta), 3-4 cucchiai di olio extra vergine di oliva e fatevi rosolare la cipolla tritata finemente e l’aglio schiacciato. Aggiungete la carne trita e fatela rosolare molto bene; unitevi il vino bianco e lasciatelo evaporare.

Aggiungete i pomodori lavati e tritati e qualche foglia di basilico; salate e pepate; fate cuocere a fuoco basso per 45-60 minuti.

Per preparare gli gnocchi: lavate le patate e lessatele, ponendole in una casseruola, coperte di acqua fredda, che metterete coperta sul fuoco: scolatele al dente ( la cottura al dente è la cottura al punto giusto: le patate devono, cioè, mantenere la loro consistenza) e pelatele subito.

Su una spianatoia (è una tavola di legno sulla quale si fa e si spiana la pasta con il matterello che per gli gnocchi, però, non serve) preparate la fontana (cioè disponete la farina a tronco di cono vuoto al centro) e ponetevi, nel centro, la noce di burro; schiacciatevi, esclusivamente con lo schiacciapatate, le patate bollenti; unitevi il tuorlo.

Impastate ( a mano) questi ingredienti fino ad ottenere una pasta omogenea e liscia e che non si attacchi alle mani: la pasta deve avere la consistenza giusta cioè né troppo molle né troppo dura ( se le patate sono troppo acquose, potete rimediare aggiungendo un po’ di farina ma senza esagerare: otterreste una pasta troppo dura).
Fate riposare la pasta, senza coprirla, per circa 10 minuti

Preparate gli gnocchi: staccate, via via, dall’impasto un pezzo di questo e, aiutandovi con le dita delle due mani ( tenendo sempre infarinata la spianatoia), fatene un lungo rotolino della grossezza di poco più di un dito. Tagliatelo a pezzetti di circa 2 centimetri; passateli , uno alla volta, sull’apposito attrezzo in legno rigato o sul rovescio di una grattugia, comprimendoli dall’alto al basso con il pollice. Man mano che fate gli gnocchi distribuiteli sulla spianatoia infarinata per evitare che si appiccichino tra di loro. Procedete così fino all’ esaurimento della pasta.

Fate cuocere gli gnocchi, pochi per volta, in una casseruola con abbondante acqua poco salata: quando l’acqua sarà in piena ebollizione, tuffate gli gnocchi pochi alla volta; quando saranno saliti tutti in superficie, lasciateli cuocere ancora 2 minuti; quindi levateli con la schiumarola ( o mestolo forato, è una paletta rotonda leggermente incavata e bucherellata), sgocciolateli e poneteli sul piatto da portato caldo ( lasciatelo pochi minuti sotto l’acqua corrente ben calda e riocdatevi poi di asciugarlo); conditeli con 1- 2 cucchiai del sugo, mescolando delicatamente. 

Fate cuocere e condite via via tutti gli altri gnocchi. Gli gnocchi si gustano ben caldi.

Per una buona riuscita degli gnocchi sono fondamentali le patate che devono essere per 
gnocchi e non arricchite da alcuna sostanza come oggi si trovano in vendita.
E’ poi importante che l’acqua di cottura sia poco salata: diversamente gli gnocchi si dissolverebbero.


Nessun commento :

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...